Presentato il 'Rapporto italiani nel Mondo 2016'

A cura della Fondazione Migrantes

di

07/03/2017 Comunicati Stampa

Valutazione attuale:  / 0
Scarso Ottimo 
Vota
Presentato il 'Rapporto italiani nel Mondo 2016'

Ieri sera, presso il Salone di Rappresentanza della Provincia di Brindisi, è stato presentato il "Rapporto italiani nel Mondo 2016", a cura della Fondazione Migrantes.

Illustri gli ospiti della serata che hanno fotografato i dati sulla mobilità italiana tra appartenenze multiple e nuovi spazi urbani.

Dopo i saluti del Presidente della Fondazione OBBL, don Franco GALIANO, sono intervenuti:

 

  • don Gianni DE ROBERTIS, Direttore Ufficio Regionale Migrantes;​
  • il Senatore PROCACCI, Consigliere Politico del Presidente Regionale EMILIANO;
  • il Prefetto di Brindisi, dott. Annunziato VARDE’;
  • il Presidente della Provincia, prof. Maurizio BRUNO;
  • la Dirigente della Provincia di Brindisi, dott.ssa Fernanda PRETE.

 

L’attenzione è stata posta sulla vocazione migratoria della nostra Regione, da sempre terra di passaggio di popoli in viaggio.

E’ stato affermato che la mobilità in sé non produce alcun danno, ma diventa dannosa solo quando è a senso unico, quando, cioè, crea un’emorragia di talento e competenza che si sposta verso altri luoghi senza che a questo corrisponda una compensazione di forza di attrazione che spinge al rientro.

Solo il giusto equilibrio tra partenze e rientri crea la “circolazione”, che è la migliore espressione della mobilità.

I dati rilevati dal Rapporto 2016 sono stati presentati e illustrati dalla dott.ssa Delfina LICATA, curatrice del Rapporto; dalla prof.ssa Roberta PACE, docente di demografia e statistica presso l'Università di Bari; e dalla dott.ssa Rosa QUARANTA, del Servizio Pugliesi nel Mondo della Regione Puglia.

A concludere la serata il prezioso contributo di Mons. Gian Carlo PEREGO, direttore generale di Migrantes, nei giorni scorsi nominato da Papa Francesco Arcivescovo di Ferrara – Comacchio.

A condurre i lavori il Direttore della Fondazione OBBL, avv. Alessandro NOCCO.

Lascia un commento

Verify Code