Opera Beato Bartolo Longo

 

L’Opera Beato Bartolo Longo nasce a Latiano nel 1980, per volontà di Don Franco Galiano e con la collaborazione di un gruppo di volontari già costituitosi nel 1975 come “gruppo per la promozione umana”. Il gruppo, impegnatosi in interventi socio-educativi e culturali costituisce, su impulso della Diocesi di Oria e del vescovo pro-tempore Mons. A. Franco, l’Opera Beato Bartolo Longo con sede in Latiano e in Francavilla Fontana.

La Fondazione non ha scopo di lucro e si propone esclusivamente il perseguimento di finalità di solidarietà sociale nei settori dell’assistenza sanitaria, sociosanitaria e della ricerca scientifica di particolare interesse sociale. La sua attività si ispira ai principi della carità cristiana e della promozione integrale della persona, secondo l’azione sociale religiosa svolta dall’illustre latianese da cui ha mutuato il nome.
La Missione dell’Opera Beato Bartolo Longo è quella di promuovere una cultura sociale fondata sui valori della vita e della persona. Oltre al fattivo impegno sociale, l’attività dell’Opera è caratterizzata da una profonda, diffusa ed impegnativa azione di pedagogia sociale e di promozione attiva della partecipazione democratica, della legalità e della cittadinanza, attraverso percorsi mirati di informazione, sensibilizzazione ed inculturazione.

Antesignana degli interventi innovativi in materia di riabilitazione psichiatrica, già nel 1980, subito dopo l’approvazione della Legge Basaglia, avvia, in Latiano (BR), d’intesa prima con la Provincia di Brindisi e, quindi, poi con l’AUSL Br/1, la Comunità Riabilitativa Assistenziale Psichiatrica “Mons. A. Franco”, alternativa all’ospedale psichiatrico, introducendo, nel territorio, una cultura nuova dell’accogliere e dell’operare a favore dei disabili psichici.

Nel contempo, a seguito dell’approvazione della L. 405/75 e della L.R. 30/77, con risorse proprie, istituisce in Latiano uno dei primi Consultori Familiari privati a rilevanza pubblica, il Consultorio Familiare “Beato Bartolo Longo”, formalmente riconosciuto dalla Regione Puglia nel giugno 1983, tuttora attivo nei settori della consulenza psicologica, psicoterapeutica e familiare.

Promuove ed attiva, successivamente nel 1992, ancora in Latiano, la Comunità Alloggio “L’amicizia” per pazienti psichiatrici, creando opportunità di integrazione sociale e lavorativa, del tutto inusitate a quel tempo, e divenendo, in breve, volano del cambiamento nel complessivo sistema dei servizi.

Negli anni novanta, mossa dall’incalzare dei bisogni dell’area del disagio minorile e giovanile, la Fondazione avvia interventi mirati alla prevenzione, all’accoglienza e alla rieducazione di minori e giovani, creando la Comunità Educativa per Minori “Avvenire” in Latiano, un Centro Aperto Polivalente per minori “Don Rosario Ribezzi” in Francavilla Fontana, un Centro Famiglia ed una Comunità Pedagogica per Tossicodipendenti con due sedi operative in Francavilla.

Negli anni 2000 istituisce il Centro Studi “III Millennio” per formalizzare e dare organicità alla ricerca sull’evoluzione normativa che interessa l’ambito delle politiche sociali e socio-sanitarie (L. 328/00). Il Centro Studi svolge attività di formazione, realizza corsi e seminari attinenti, direttamente o indirettamente, ai settori d’interesse della Fondazione. A tal proposito, promuove nel territorio interventi di formazione ed informazione, realizza, annualmente, il Meeting della Cittadinanza Piena ed Universale e progetti sperimentali. Si occupa delle procedure di accreditamento al funzionamento dei servizi e delle strutture.

L’Opera attiva due cooperative sociali, una di tipo B per agevolare l’inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati, ed una di tipo A per la gestione di specifici servizi educativi e/o socio-sanitari.

Nel 2013, ottiene l’autorizzazione al funzionamento della Casa per la Vita “Madonna del Rosario”, struttura residenziale, a carattere socio-sanitario, a media intensità assistenziale sanitaria, con caratteristiche proprie della casa famiglia. La Casa per la Vita accoglie persone con problematiche psicosociali e pazienti psichiatrici stabilizzati usciti dal circuito psichiatrico riabilitativo residenziale, prive di validi riferimenti familiari, e che necessitino di sostegno nel mantenimento del livello di autonomia e nel percorso di inserimento o reinserimento sociale e/o lavorativo.

1.    

L’Opera Beato Bartolo Longo è presente nel territorio pugliese da oltre trentacinque anni. 

L’Opera è stata costituita, nel 1980, dal sac. Francesco GALIANO, attuale Presidente, con il sostegno del compiantomons. Armando FRANCO, Vescovo di Oria, e reca, nella sua mission, la traduzione evangelica, e conciliare, dell’ascolto della parola, e della fede nel Cristo, morto e risorto, nella pastorale della carità e della solidarietàa favore degli ultimi, attraverso la lettura attenta dei segni dei tempi e il travaglio dell’incarnazione nella storia. 

L’Opera, articolatasi nella Fondazione, nell’Associazione Amici e Volontari, e in alcune imprese sociali, nel tempo sorte e sviluppatesi, è divenuta, nel territorio, nonostante difficoltà e ostacoli, segno evidente di servizio operoso a favore delle famiglie, dei minori, dei pazienti psichiatrici, delle persone con disabilità, delle persone con dipendenze patologiche. 

La Fondazioneè ente di ispirazione cristiana, è stata riconosciuta Ente Morale, ed è iscritta all’anagrafe delleONLUS, oltre che al Registro Provinciale delle Libere Forme Associative, Cooperative Sociali e Fondazioni della Provincia di Brindisi. 

L’Associazione Amici e Volontari dell’Opera BBL è socio fondatore del Centro Servizi Volontariato di Brindisi (CSV Poiesis). 

L’Opera, attraverso la Fondazioneomonima, promuove ed eroga servizi alla persona, anche attraverso strutture complesse di cui è titolare, e, precipuamente, interventi socio-educativi riabilitativi, in favore di disabili psichici, tossicodipendenti, minori e famiglie in condizioni di disagio, oltre cheprestazioni per il contrasto delle povertà. 

In particolare, è titolare e gestore delle seguenti Strutture e Servizi:

 

  • il Consultorio Familiare Beato Bartolo Longo, a Latiano, servizio di ispirazione cristiana, a favore della famiglia, tra i primi formalmente riconosciuti dalla Regione Puglia, ai sensi della L.R. 30/77: è nodo antidiscriminazione, aderisce all’UCIPEM (Unione Consultori Italiani Prematrimoniali e Matrimoniali), e a CFC (Confederazione Consultori di Ispirazione Cristiana), collabora con il Forum Nazionale delle Associazioni Familiari e con l’Associazione NazionaleScienza & Vita; Coordinatrice è la dott. ssa Grazia LANZILLOTTI – avvocato e mediatrice familiare;
  • la Comunità Riabilitativa Assistenziale Psichiatrica (CRAP) Mons. Armando Franco, a Latiano, struttura residenziale sanitaria per disabili psichici, accreditata, per 15 posti, presso la Regione Puglia: nata nel 1981, in attuazione della Legge Basaglia, risulta tra i primi Centri Riabilitativi per Disabili Psichici, alternativi al manicomio, in Puglia; Direttore Sanitario è il prof. dott. Marcello VIOLA (psichiatra e psicoterapeuta, già Direttore del DSM ASL BR) – Coordinatrice la dott. ssa Pamela FIORANTE - psicologa;
  • la Comunità Alloggio Amicizia, a Latiano: struttura residenziale sanitaria per disabili psichici che abbiano raggiunto un sufficiente grado di autonomia, accreditata, per 8 posti, pressola Regione Puglia; Direttore Sanitario è il prof. dott. Marcello VIOLA (psichiatra e psicoterapeuta, già Direttore del DSM ASL BR) – Coordinatore è il dott. Rosario DIVIGGIANO - sociologo ed esperto in teatroterapia;
  • la Casa per la Vita Madonna del Rosario, a Latiano, struttura residenziale socio-sanitaria, a media intensità, autorizzata al funzionamento ed iscritta al competente Registro Regionale: accoglie, su invio dei Centri di Salute Mentale delle AA.SS.LL, sino a 16 utenti con problematiche psicosociali, e pazienti psichiatrici stabilizzati, usciti dal circuito psichiatrico riabilitativo residenziale, privi di validi riferimenti familiari, e che necessitino di sostegno nel mantenimento del livello di autonomia e nel percorso di inserimento o reinserimento sociale e/o lavorativo; Coordinatrice è la dott. ssa Marianna CHIRICO – assistente sociale;
  • La Comunità Educativa per Minori Avvenire, a Latiano, struttura residenziale socio-educativa, autorizzata al funzionamento e iscritta al competente Registro Regionale: accoglie sino a 10minori, prevalentemente preadolescenti e adolescenti, sottoposti a procedimenti civili e/o in affido presso i servizi sociali, o imputati di reati di diverso genere e grado, e/o impegnati in progetti di messa alla prova, collocati con provvedimento dell’Autorità Giudiziaria (in virtù di apposita convenzione con il Centro Giustizia Minorile di Bari), o immigrati (su riconoscimento della Prefettura di Brindisi, e del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali); Coordinatrice è la dott. ssa Claudia CALCAGNI - sociologa;
  • il Centro di Ascolto e Solidarietà don Rosario Ribezzi: Sportello Sociale a Francavilla Fontana, cura, per conto della Fondazione, anche in convenzione con il Banco Alimentare, interventi concreti di accoglienza, ascolto e aiuto, a favore delle persone e delle famiglie multiproblematiche, per il contrasto delle povertà; Coordinatrice è suor Flora NAHI – assistente sociale;
  • Servizi sperimentali di Welfare Scolastico, attivati, nell’ambito delle azioni strategiche del Consultorio Familiare Beato Bartolo Longo,  d’intesa con i Dirigenti Scolastici, in virtù di deliberazione dei rispettivi Collegi dei Docenti, presso:

 

    • il Liceo Classico LILLA di Francavilla Fontana, 
    • l’ITST FERMI di Francavilla Fontana, 
    • la Scuola Media S. Francesco del Terzo Istituto Comprensivo di Francavilla Fontana 
    • la Scuola Media V. Bilotta del II Istituto Comprensivo di Francavilla Fontana, 
    • il Liceo Scientifico di Oria, 
    • la Scuola Media F. Milizia del I Istituto Comprensivo di Oria, 
    • le Scuole Medie CROCE e MONASTERIO dell’Istituto Comprensivo di Latiano, 
    • la Scuola Media dell’Istituto Comprensivo di Erchie,

 

Prevedono i seguenti interventi specialistici, erogati da uno Staff multiprofessionale, di cui è referente la dott. ssa Maria Concetta LEOZAPPA - psicologa:

 

  • Spazio di Ascolto psico-socio-pedagogico, rivolto a studenti, genitori e docenti;
  • Interventi a favore del Gruppo Classe, volti a far emergere e rilevare, con tecniche appropriate, bisogni e dinamiche del contesto, o informare e formare il gruppo classe su tematiche specifiche;
  • Orientamento: interventi professionali di orientamento nella scelta del percorso di studi superiore o post diploma, o nella ricerca di un possibile inserimento lavorativo;
  • Formazione Continua per i Docenti: cicli di incontri formativi, con workshop specifici, volti ad offrire linee guida di intervento adeguate e specifiche;
  • Scuola Genitori: piano di incontri formativi con sessioni per i genitori;
  • Mediazione Scolastica: interventi di gestione del conflitto, in ambito scolastico, tra i ragazzi, e le diverse componenti della Comunità Scolastica;
  • Consulenza Specialistica “BES”: supporto ai docenti nella individuazione dei “Bisogni Educativi Speciali” e nella predisposizione degli opportuni interventi socio educativi. 

La Fondazioneconta su 45 unità di personale, tra lavoratori subordinati, prevalentemente a tempo indeterminato, e collaboratori, si avvale di molteplici consulenti esterni, e numerosi volontari, afferenti all’Associazione Amici e Volontari dell’Opera BBL.

La Fondazione accoglie, nelle proprie strutture residenziali, ca. 40 persone con disagio psichico, sostiene le rispettive famiglie, e risulta una delle prime in Puglia, dopo l’approvazione della Legge Basaglia (1978), nel trattamento delle patologie psichiatriche (solola Comunità Riabilitativa– CRAP Mons. Armando FRANCO ha accolto, negli anni, centinaia di pazienti, provenienti dall’intera Regione e dal territorio Nazionale). 

La Fondazioneaccoglie minori, italiani, stranieri, provenienti dal circuito penale (allo stato, 10) e promuove il dialogo interculturale. 

La Fondazione, nell’ambito degli interventi e prestazioni del Consultorio Familiare UCIPEM Beato Bartolo Longo di Latiano (uno dei primi riconosciuti dalla Regione Puglia – 1983) ha preso in caricocentinaia di famigliecoppie genitoriali e minori, anche su invio dei Servizi Territoriali pubblici.

La Fondazione, nell’ambito degli interventi a servizio degli Istituti Scolastici del territorio, accoglie e sostiene centinaia di preadolescenti e adolescentidocenti e genitori. 

La Fondazioneè Ente attuatore del Programma Regionale GARANZIA GIOVANI, per la formazione e l’inserimento al lavoro dei giovani. 

La Fondazione, dal 2007, è Ente accreditato al SERVIZIO CIVILE NAZIONALE. 

La Fondazioneè Ente partner della Scuola Professionale ROUSSEAU di Latiano, per Corsi di Alta Specializzazione nell’Area dei Servizi alla Persona. 

La Fondazioneè Ente partner strategico di HUIPALAS ONLUS di Mesagne, associazione di promozione sociale, operante, da oltre un decennio, nel campo della solidarietà internazionale e della cooperazione allo sviluppo, in favore delle popolazioni del sud del mondo, presente in KENYA, aKorogocho, per la realizzazione di Progetti, Iniziative e Interventi, di Educazione allo Sviluppo, Cooperazione e Solidarietà Internazionale. 

La Fondazione, è partner promotore (con il Centro di Cultura dell’Università Cattolica “G. Lazzati” di Taranto, presieduto e diretto dall’on. prof. Domenico Maria AMALFITANO, con Economia di Comunione - Movimento dei Focolari, UCID Bari – Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti, Camera di Commercio di Taranto - Comitato per l’imprenditorialità sociale e FISBA-FAT Fondazione) dell’iniziativa denominataAccademia Mediterranea di Economia Civile, volta a promuovere un’idea di fare impresa, dove la redditività economica non sia incompatibile con il rispetto dei valori forti della persona, della solidarietà della responsabilità, della fraternità, della costruzione sussidiaria del bene comune e della costruzione di un nuovo modello di welfare “civile” 

La Fondazioneha promosso, presso l’Istituto Scolastico Comprensivo di Latiano, d’intesa con il Centro di Servizi Interuniversitario per l’Innovazione Didattica dell’Università del Salento e con l’Associazione Ricerca Italiana Apprendimento Cooperativo, la sperimentazione del cooperative learning, avvalendosi della direzione scientifica del prof. Piergiuseppe ELLERANI. 

La Fondazione, in ragione dei servizi storicamente offerti, e delle molteplici strutture complesse, di cui è titolare, è convenzionata, da anni, con l’Università del Salento, con l’Università degli Studi di Bari, e con organismi di formazione, per tirocini formativi e stage. 

L’Opera Beato Bartolo Longo, attraverso Fondazione, Associazione Amici e Volontari, e imprese sociali, realizza, da oltre trentacinque anni, una diffusa e autorevole azione culturale di pedagogia sociale e di promozione attiva della partecipazione democratica, della legalità e della cittadinanza, attraverso percorsi mirati d’informazione, sensibilizzazione ed inculturazione, volti all’implementazione del Welfare nelle comunità locali. 

In tal senso, il Centro Studi III Millennio, sorto, da alcuni anni, in seno alla Fondazione, quale espressione più avanzata nell’ambito della comunicazione sociale, della progettualità innovativa, dello studio e della ricerca, promuove, ogni anno, fin dal 2002, il Meeting della Cittadinanza Piena e Universale, con l’intervento di esperti dichiara fama dell’intero territorio nazionale, mostre ed eventi di grande richiamo, giunto, nel 2015, alla XII^ edizione, sul tema: 35 Anni a Servizio della Dignità Trascendente della Persona – LA SFIDA ALLA CULTURA DELLO SCARTO – Accogliere e Aver Cura di Ogni essere Umano.